Il Bonus Gas

Il Bonus Gas è una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il Bonus è stato introdotto dal Governo e reso operativo dalla delibera ARG/gas 88-09 dell’Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico con la collaborazione dei Comuni. Hanno diritto ad usufruire dell’agevolazione quei clienti domestici che utilizzano gas naturale, con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale se il loro indicatore ISEE non è superiore a 7.500 euro; l’indicatore ISEE non deve invece superare i 20.000 euro nel caso di famiglie numerose (con più di 3 figli a carico). Il bonus è inoltre previsto per la sola abitazione di residenza con misuratore gas di classe non superiore a G6.

Il valore del bonus è differenziato a seconda della categoria d'uso associata alla fornitura di gas, della zona climatica di appartenenza del punto di fornitura e del numero di componenti della famiglia anagrafica. Il bonus è riconosciuto per 12 mesi e al termine di tale periodo, per rinnovare la richiesta, il cliente deve presentare apposita domanda presso gli uffici comunali o i CAF, circa un mese prima della scadenza dell'agevolazione in corso. Il rinnovo può essere effettuato solo se sussistono ancora le condizioni di ammissione (ISEE, residenza ecc.).

Il Bonus Elettrico

Il Bonus Elettrico è l’agevolazione che riduce la spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica. Introdotto dal Governo con DM 28/12/2007 e reso operativo dall'Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico con la collaborazione dei Comuni, il Bonus è stato pensato per garantire un risparmio sulla spesa annua per l’energia elettrica a due tipologie di famiglie: quelle in condizione di disagio economico e quelle presso le quali vive un soggetto in gravi condizioni di salute, mantenuto in vita da apparecchiature domestiche elettromedicali.

Il bonus per disagio economico è previsto per i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura elettrica, per la sola abitazione di residenza, appartenenti ad un nucleo famigliare con indicatore ISEE non superiore a 7.500 euro o se con più di 3 figli a carico indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro. Il valore del bonus dipende dal numero di componenti della famiglia anagrafica ed è aggiornato annualmente dall'Autorità. Per il disagio economico il bonus è riconosciuto per 12 mesi. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, il cliente deve rinnovare la richiesta presentando apposita domanda presso gli uffici comunali o i CAF, circa un mese prima della scadenza dell'agevolazione in corso. Il rinnovo può essere effettuato solo se sussistono ancora le condizioni di ammissione (ISEE, residenza ecc.).

Il bonus per disagio fisico è cumulabile con quello per disagio economico (sia elettrico che gas) qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità. Il bonus per disagio fisico non deve essere rinnovato, ma viene erogato fino al cessato uso delle apparecchiature elettromedicali. I soggetti che prima del 2013 avevano già richiesto e ottenuto il bonus, possono verificare se, in base ai nuovi livelli di bonus, hanno diritto a una quota di agevolazione maggiore; in caso di effettiva attribuzione di un diverso livello di bonus, la variazione decorre dal momento della presentazione della domanda.